Gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro

3 Commenti

Gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro
Gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro
Gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro
Gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro
Gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro

Ingredienti (per due persone)

300 g di patate
200 g di farina
100 g di acciughe
100 g di pomodori maturi
prezzemolo
peperoncino piccante secco tritato o in polvere
olio extravergine di oliva
sale

Preparazione

Gli gnocchi di patate sono un primo piatto tipico della cucina italiana, qui presentati in una variante piccante e stuzzicante grazie all'aggiunta del peperoncino nel loro impasto e abbinati ad un sughetto piccante a base di acciughe e pomodoro.

Per prepararli, innanzitutto lessare le patate ancora con la buccia o cuocerle al vapore. Appena saranno pronte, lasciarle intiepidire leggermente quindi sbucciarle, schiacciarle con l'apposito schiacciapatate o con una forchetta e mescolarle con la farina, un pizzico di sale e del peperoncino piccante secco tritato o in polvere secondo il proprio gusto e... resistenza al piccante!

Mescolare bene gli ingredienti fino a ottenere un impasto omogeneo e compatto; se necessario aggiungere dell'altra farina. Dare a tale impasto una forma cilindrica, del diametro pari a quello di un dito. Tagliarlo in pezzetti lunghi circa 2 cm, e per conferire agli gnocchi la loro forma caratteristica passarli sul retro di una grattugia o sui rebbi di una forchetta premendo con il pollice.

Pulire le acciughe privandole della testa e della lisca per ottenere dei filetti, quindi lavarli, asciugarli con un canovaccio o carta da cucina e tagliarli a pezzetti; lavare i pomodori e tagliarli a tocchetti.

Scaldare in una padella due cucchiai di olio extravergine di oliva e farvi rosolare a fuoco vivo i pomodori;  dopo pochi minuti, quando l'acqua di vegetazione inizierà ad evaporare, aggiungere i pezzetti di acciuga,  una spolverata di peperoncino piccante secco tritato o in polvere, un pizzico di sale e proseguire la cottura a fuoco vivo per circa 3 minuti.

Portare ad ebollizione una pentola d'acqua, salare e cuocervi gli gnocchi: appena saliranno in superficie scolarli e farli insaporire per pochi minuti nella padella con il condimento.

Spolverare con abbondante prezzemolo tritato e servire gli gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro ben caldi, appena pronti.

Gnocchi di patate piccanti con acciughe e pomodoro

Your rating: Nessuno Average: 2.9 (7 votes)

3 Commenti

Gnocchi di patate

Interessante questa ricetta! Non ho mai assaggiato gli gnocchi di patate con un condimento di pesce, ma penso siano buoni. Però ho un dubbio, nella ricetta come ingredienti per gli gnocchi compaiono solo patate farina e sale, ma non ci vogliono anche le uova??

Diverse versioni

Si Bubamara, come dici tu spesso la ricetta degli gnocchi comprende anche dell'uovo, e alcuni ci mettono anche del formaggio grattugiato (grana, di solito) per renderli più "corposi". Questa versione è più leggera e un po' più adatta all'abbinamento (insolito, come hai fatto notare tu) con un sugo di pesce... anche senza l'utilizzo dell'uovo gli gnocchi rimangono compatti e non si sfaldano in cottura, ma bisogna stare molto attenti a non cuocerli troppo a lungo perchè sono più delicati!

Gnocchi di patate

Il problema di alcune patate, comunque, è quello di avere troppa acqua nella loro consistenza; di conseguenza quando si impastano non legano uniformemente con la farina, ma creano i cosiddetti "grumi", sicchè la preparazione diviene un po’ più dura. Le patate rosse calabresi della Sila , invece, hanno poca acqua sia per il fatto che viene coltivata ad un'altezza di 1000 m e più (patata di alta montagna), sia per la particolarità dello specifico tubero; quando la si impasta con la farina si lega perfettamente con essa senza formare grumi. Avrete così una consistenza di farina e patata in ugual misura, così da aver il vero gnocco di patate. Considerazioni analoghe possono farsi nelle preparazioni di gateau, purè, ed altri sfornati. E che dire se la patata rossa poi la si sperimenta come patata fritta?? Ammesso sempre che riusciate a mangiarla prima dei vostri figli. Giorgio Candia