Homebrewing: la produzione casalinga della birra

Homebrewing, cioè la produzione casalinga della birra: c'è chi la considera semplicemente un hobby, c'è chi la vede come una vera e propria forma d'arte gastronomica, ma comunque la si voglia considerare il dato di fatto è che questa pratica sta raccogliendo schiere sempre maggiori di appassionati tra gli estimatori della birra. Homebrewing: la produzione casalinga della birraProdurre autonomamente la propria birra presenta infatti numerosi aspetti interessanti, che vanno dalla soddisfazione e dal divertimento che si possono ricavare esercitando questa attività da soli o con amici, alla possibilità di consumare un prodotto genuino, personalizzato e non "standardizzato" come la maggior parte delle birre commerciali, senza dimenticare la prospettiva di gustare un'ottima bevanda senza spendere un capitale ma addirittura risparmiando!

Certo, bisogna essere disposti a spendere un po' di tempo e a fare un minimo di investimenti iniziali per l'attrezzatura, ma si tratta di un impegno relativamente lieve (non paragonabile, ad esempio, a quello che sarebbe necessario per produrre in proprio del buon vino!) e l'appassionato di homebrewing sa che i suoi sforzi saranno pienamente ripagati quando potrà degustare e offrire ad amici e ospiti le proprie creazioni...

Homebrewing: la produzione casalinga della birraQuanto alle maggiori remore che, da profani, si potrebbero avere sul preparare la birra in casa, fortunatamente possono essere facilmente superate. Sostanzialmente i dubbi più frequenti in materia di homebrewing sono infatti di natura sanitaria e di natura legale. Fortunatamente pare estremamente improbabile che la birra fatta in casa non possa essere pericolosa (come accade per conserve casalinghe a rischio botulino): anche nel caso in cui si commetta qualche errore la cosa più grave che può accadere è ottenere una bevanda dal sapore sgradevole, ma difficilmente tossica; infatti i microorganismi potenzialmente nocivi trovano nella birra un ambiente sfavorevole per l'acidità, la concentrazione di alcool e grazie all'azione conservante del luppolo. Attenzione solo al periodo di carbonazione della birra, perchè se non si dosa bene lo zucchero aggiunto per dar luogo alla frizzantezza della birra c'è il rischio che le bottiglie esplodano! Quanto agli aspetti legali, la produzione casalinga della birra è consentita e non comporta particolari obblighi burocratici o fiscali: come recita l'art. 34, comma 3 del Decreto Legislativo n. 504 del 26/10/95,

"é esente da accisa la birra prodotta da un privato e consumata dallo stesso produttore, dai suoi famigliari e dai suoi ospiti, a condizione che non formi oggetto di alcuna attività di vendita."

Homebrewing: la produzione casalinga della birra"Studiare" da homebrewer è reso inoltre semplice dalla grande disponibilità di informazioni, guide, forum e newsgroup sull'argomento liberamente consultabili in rete. Ad esempio, una delle "bibbie" italiane dell'autoproduzione birraria è quella presente nel ricco e interessante sito di Davide Bertinotti, da cui sono state tratte anche numerose informazioni presenti in questo articolo.

Superate quindi queste possibili inibizioni, quali strade può percorrere l'aspirante "mastro birraio"? Esistono sostanzialmente tre diversi tipi di procedura per la produzione domestica della birra, di seguito elencati con una rapida descrizione delle loro caratteristiche:

  1. Metodo All Grain, ossia utilizzo di malto d'orzo in grani e luppolo; si tratta del metodo più complesso e impegnativo, ma anche di quello che garantisce la maggiore libertà di scelta per quanto riguarda la scelta degli ingredienti e le ricette da seguire (o da inventare e sperimentare!). Richiede un maggiore investimento iniziale rispetto agli altri due perchè sono necessarie attrezzature piuttosto complesse e costose (bruciatore a gas o elettrico con bollitore, tino di filtrazione, sistema di raffreddamento dei mosti e altre ancora), ma il costo delle materie prime è inferiore a quello degli estratti di malto utilizzati negli altri due metodi.

  2. Homebrewing: la produzione casalinga della birraUtilizzo di estratti di malto non luppolati e luppolo, con l'eventuale aggiunta di grani speciali; si tratta ancora di un metodo che permette una notevole libertà di scelta e sperimentazione, ma decisamente più semplice sia come procedura, sia come attrezzature. E' infatti sufficiente procurarsi un fermentatore, solitamente costituito da un bidone di materiale plastico dotato di un rubinetto nella parte bassa e di un coperchio in cui possa essere alloggiato il gorgogliatore, strumento che permette ai gas che si sviluppano durante la fermentazione di uscire, senza lasciare entrare aria esterna che potrebbe veicolare batteri nocivi per la fermentazione. Altri strumenti indispensabili sono il densimetro, necessario per rilevare la fine della fermentazione e per il calcolo del grado alcoolico raggiunto, la tappatrice per la chiusura delle bottiglie e il metabisolfito di potassio per sanificare l'attrezzatura. Per quanto riguarda le materie prime esistono molti negozi, anche on-line, che commercializzano tutto il necessario per produrre la birra con questo metodo.

  3. Utilizzo di kit pronti costituiti da estratti di malto già luppolati. E' il metodo più semplice in quanto si utilizzano dei mosti costituiti da malti già amaricati e pronti per l'uso, che devono essere semplicemente diluiti in acqua e fatti fermentare. La libertà di creare delle varianti o di produrre birre di stili poco comuni è ovviamente preclusa, ma se il kit è di buon qualità si possono produrre birre artigianali di tutto rispetto; inoltre, questo metodo offre all'homebrewer alle prime armi la possibilità di fare esperienza con l'attrezzatura da hombrewing senza dover prestare attenzione a troppe variabili. L'attrezzatura necessaria è praticamente la stessa che si utilizza con gli estratti di malto non luppolati.

A queste tre tipologie si è recentemente aggiunto un metodo decisamente più radicale: lo scratch brewing, ovvero il birrificare da zero coltivando e preparando il luppolo, i cereali, le spezie e tutto ciò che viene utilizzato per produrre la birra. Si tratta ovviamente di una attività impegnativa e non alla portata di tutti, che però offre una completa libertà e la possibilità di produrre una vera "birra biologica".

La storia della birra Gli ingredienti della birra Homebrewing
Birra, peperoncino e ricette piccanti Le ricette piccanti per ogni stile di birra La birra aromatizzata al peperoncino